MiFid

La direttiva per un mercato finanziario europeo più integrato e trasparente.

Post Trade Transparency Service

Operatività Titoli Giornaliera

I seguenti dati sono disponibili on-line durante tutta la giornata di contrattazione

Orario EseguitoIsinStrumentoPrezzo EseguitoQtà EseguitaDivisaNote
18/08/2017 11:22XS1202849086GLENCORE FINANCE EUROPE 17/03/2025 1,75%101.30987100000.0EUR /
18/08/2017 11:22XS1202849086GLENCORE FINANCE EUROPE 17/03/2025 1,75%101.22100000.0EUR /
18/08/2017 16:55XS1487495316SAIPEM FINANCE INTL BV 08/09/2023 3,75%104.0104100000.0EUR /
18/08/2017 16:55XS1487495316SAIPEM FINANCE INTL BV 08/09/2023 3,75%104.0104100000.0EUR /
18/08/2017 16:55XS1487495316SAIPEM FINANCE INTL BV 08/09/2023 3,75%104.06041100000.0EUR /
18/08/2017 16:55XS1487495316SAIPEM FINANCE INTL BV 08/09/2023 3,75%104.25300000.0EUR /
18/08/2017 16:55XS1487495316SAIPEM FINANCE INTL BV 08/09/2023 3,75%104.235250000.0EUR /
18/08/2017 16:55XS1487495316SAIPEM FINANCE INTL BV 08/09/2023 3,75%104.3250000.0EUR /

Mifid

La MiFID (Markets in Financial Instruments Directive) è la Direttiva comunitaria 2004/39/CE in materia di mercati degli strumenti finanziari, entrata in vigore in tutta l'Unione Europea dal 1 novembre del 2007. Lo scopo della Direttiva è creare un mercato finanziario europeo più integrato e trasparente, a vantaggio e a tutela degli investitori.
La Direttiva indica a tutti i paesi europei linee di condotta comuni da seguire nell'ambito dei servizi di investimento, e impone alle banche precisi obblighi in termini di qualità del servizio e chiarezza delle informazioni.

Le finalità della MiFID
Gli obiettivi principali della direttiva sono:

  • Creare un sistema di regolamentazione dell'attività di intermediazione finanziaria uniforme per tutti i Paesi membri dell'UE;
  • Ampliare il sistema di garanzie e di protezione per gli investitori nei loro rapporti con gli intermediari finanziari;
  • Rendere più trasparenti, anche in termini di costi, le operazioni realizzate dagli intermediari finanziari per conto della clientela.

La classificazione della clientela
Uno dei principali strumenti di protezione per gli investitori, introdotti dalla normativa, è la classificazione della clientela in tre categorie:

  • Cliente al dettaglio;
  • Cliente professionale;
  • Controparte qualificata.

Ad ognuna delle tre citate categorie è riconosciuto un diverso grado di tutela, proporzionato all'esperienza e alla competenza che il soggetto possiede in materia di investimenti. Il cliente al dettaglio è il soggetto con esperienza e competenze minori, cui è destinato il massimo livello di tutela e garanzia.

I concetti di appropriatezza ed adeguatezza
La Banca è tenuta a valutare l'appropriatezza e l'adeguatezza degli investimenti richiesti dal cliente, ed adempie a quest'obbligo raccogliendo, fra l'altro, informazioni che riguardano la conoscenza e l'esperienza del cliente circa gli strumenti finanziari da trattare, gli obiettivi di investimento ed i rischi che intende assumere.

Il rilascio di tali informazioni avviene attraverso un questionario conoscitivo che il cliente compila con l'assistenza del Suo referente di fiducia e consente alla banca di definire il profilo dell'investitore.
È possibile approfondire gli altri numerosi aspetti della MiFID rivolgendosi ai gestori della clientela presso le nostre filiali.
Qui sono accessibili le informazioni relative a Banca Promos, ai servizi di investimento offerti e agli strumenti finanziari trattati:

Appropriatezza
Si applica ai servizi di negoziazione, esecuzione, collocamento, ricezione e trasmissione di ordini. Verifica che il cliente abbia il livello di esperienza e conoscenza necessario per comprendere i rischi che lo strumento finanziario o il servizio di investimento comportano. A tal fine, la Banca richiede al cliente informazioni circa i tipi di servizi di investimento, operazioni e strumenti finanziari rispetto ai quali il cliente ha esperienza; la natura, il volume e la frequenza delle operazioni su strumenti finanziari realizzate dal cliente e il periodo durante il quale queste operazioni sono state eseguite; il livello di istruzione, la professione o, se rilevante, la precedente professione del cliente.

Adeguatezza
Si applica a tutti i servizi di gestione di portafogli e di consulenza. Verifica che l'operazione, realizzata o consigliata, corrisponda agli obiettivi di investimento del cliente; sia di natura tale che il cliente sia in grado finanziariamente di sopportare il rischio dell'investimento compatibilmente coi suoi obiettivi; e il cliente possieda il livello di esperienza e conoscenza necessario per comprendere i rischi che lo strumento finanziario o il servizio di investimento comporta. A tal fine la Banca richiede al Cliente, in aggiunta alle informazioni necessarie per la verifica di appropriatezza, anche quelle riguardanti: fonte e consistenza del reddito, del patrimonio complessivo e degli impegni finanziari del cliente; periodo di tempo per il quale il cliente desidera conservare l'investimento, le sue preferenze in materia di rischio, il suo profilo di rischio e le finalità dell'investimento, se rilevanti.